STORIE DI UN GIORNALISTA CON UNA LAUREA IN FILOSOFIA. Assioma di Cole "La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento"

mercoledì 18 dicembre 2013

VECCHIE STORIE DA PRIMA PAGINA

"Storie da prima pagina" è una raccolta di articoli pubblicati sulla prima pagina del quotidiano "La Repubblica" nell'edizione di Palermo. Libro voluto fortemente dal Lions club di Sciacca e dall'allora presidente Michele Cirafisi
Articoli che abbracciano un arco di tempo che va dal 2003 al 2007. Volutamente, per non dargli una connotazione temporale, non ho inserito la data di pubblicazione.
Non tutti. Ho deciso di inserire solo quelle storie che, per l’originalità o per chissà quale altro strano motivo, sono finite in prima pagina, o nelle pagine dedicate alla cultura. E che comunque potessero ancora interessare il lettore. Nella maggior parte dei casi riguardano personaggi che in qualche modo andavano e vanno ricordati, altri parlano di fatti inconsueti, strani, alcuni di essi evidenziano i paradossi della nostra isola, intrisa di miti e di leggende. Ma parlano anche di persone. Che un giorno, sono balzati agli onori della cronaca e che qui vengono riproposti in tutta la loro umanità. Gli articoli inseriti in questo volume, nella maggior parte dei casi, sono nella loro prima stesura, così come li avevo pensati e scritti. Prima che il redattore capo del giornale, dopo attenta lettura, decidesse di inserirlo nel giornale.
Per esigenze di spazio, per difficoltà dell’argomento trattato, o perché scritto e spedito senza preavviso. A quel punto, il collega che lavora in redazione, si vede arrivare un’analisi della commedia di Arthur Miller e deve capire cosa diavolo c’entra con la Sicilia. O magari non ha mai visto “Le iene” di Tarantino e non conosce Steve Buscemi (mica possiamo conoscere tutto).
Considerato che il libro non è più in circolazione, ho deciso di fare un pdf e regalarlo a chi fosse interessato.
Per avere una copia in pdf basta inviare una mail a accursiosoldano@libero.it 

Nessun commento:

A.S.

A.S.