STORIE DI UN GIORNALISTA CON UNA LAUREA IN FILOSOFIA. Assioma di Cole "La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento"

lunedì 23 giugno 2014

SCIACCA: UNA CITTA' SGARRUPATA, SBIADITA E CADENTE

Ci mancava solo che il giornalista Aldo Cazzullo si facesse un viaggio in Sicilia per ricordarci, a livello nazionale, sul Corriere della Sera (sette del 13 giugno 2014) che tra Ribera e Sciacca il “traffico procede a senso alternato, con code di chilometri, perché da due anni manca il guard-rail di un cavalcavia e nessuno provvede a metterlo
Sapesse il buon Cazzullo quanti articoli giornalistici abbiamo scritto sull’argomento. Ma l’articolo può solo evidenziare una situazione o un problema, a chi gestisce il potere amministrativo il compito di farsi valere e chiedere immediati interventi. Evidentemente tutta questa forza non c’è: siamo potenzialmente forti. Ma se lo diciamo noi giornalisti locali, allora diventa un “attacco personale” se lo scrive Aldo Cazzullo tutti zitti.
E poi nel suo articolo Aldo Cazzullo, che evidentemente ha fatto una sosta nella nostra ridente cittadina a vocazione turistica, scrive delle Terme di Sciacca, “un potenziale gioiello malinconicamente chiuse. Vista dal porto, la città pare la corricella di procida, un angolo stupendo, ma sgarrupata, sbiadita, cadente”. E poi fa una considerazione amara: “la Sicilia ha gli stessi chilometri di costa delle Baleari, e ha undici volte i meno i turisti delle baleari”. Insomma, siamo una città potenzialmente termale. Altro che referendum. Pensa cosa sarebbe successo se fosse entrato in città con la scritta “Sciacca terme” e si fosse trovato davanti lo spettacolo che ha visto. Apriti cielo!

Ora, non serviva certo Aldo Cazzullo col suo editoriale a farci capire che la città di Sciacca non è quella città che “puoi solo amarla” perché il giornalista (che forse non ha visto il cartellone) non sembra l’abbia amata troppo, definendola sbiadita e cadente. Ma possiamo dargli torto? Non sono cose che ripetiamo da anni?
Viviamo veramente in una città sgarrupata che vogliono spacciarci per turistica solo perché abbiamo messo quattro vasi di ceramica nel centro storico?
Per nostra fortuna Cazzullo non se la prende solo con Sciacca, ma anche con Gibellina e si lamenta di uno "straziante colpo d'occhio della valle del Belice" ma alla fine dice che i siciliani sono ospitali.
Beh, è con questo che facciamo turismo, con l'ospitalità, perché se qualcuno si aspetta servizi, strade asfaltate e strutture che funzionino bene, farà meglio a scegliere le baleari.

Nessun commento:

A.S.

A.S.