STORIE DI UN GIORNALISTA CON UNA LAUREA IN FILOSOFIA. Assioma di Cole "La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento"

lunedì 20 giugno 2016

RECENSIONE DI JOSEPH CACIOPPO SU "L'ARALDO"

Usa il bisturi dell’ironia Accursio Soldano per scrivere il suo “la maledizione dell’abbazia di Thelema” (Leucotea editore). Un bisturi affilato per mettere a nudo i vizi, pruriti e convenzioni del bigottismo nostrano.
E lo fa con il distacco scanzonato, ed a volte feroce, che lo caratterizzano. Chi conosce Accursio Soldano, scrittore e giornalista, sa che l’intellettuale non può essere annoverato tra quelli “politicamente corretti”.
In quest’ultima opera supera se stesso. Armeggia con materiale delicato: il sesso, nelle sue varie declinazioni. Non come corollario di un rapporto sentimentale, ma così come anche la tivù comincia a proporcelo anche in fasce orarie di metà giornata: fare sesso a prescindere dell’eventuale coinvolgimento emotivo.
Le “scene” pruriginose del romanzo sembrano avere una funzione specifica: tenere alta l’attenzione del lettore mentre l’autore mette a nudo l’animo umano, fatto di convenzioni ed ipocrisie. Pronto a rifugiarsi sotto improbabili timori divini o maledizioni demoniache.
Accursio Soldano osa rievocare i bordelli. Ma diversamente da Andrea Camilleri invece delle case chiuse nostrane (La pensione di Eva), rievoca quelle parigine, forse perché più intriganti.
E mentre ne la “Memoria delle mie puttane tristi”, il romanzo di Gabriel Garcia Marquez (premio Nobel per la letteratura 1982), la voce narrante è “l’utilizzatore finale”, l’anziano protagonista, nel romanzo di Accursio Soldano a dare uno spaccato sintetico di cosa fossero i bordelli parigini provvede l’anziana protagonista, la “prestatrice d’opera”.
Non manca l’episodio incestuoso. Sempre per la necessità di indagare, con gli strumenti propri della letteratura, sui caratteri di una cultura e di una società, essendo la famiglia un cardine ineludibile di entrambe (nel romanzo siamo in un paese siciliano e siamo nel primo dopoguerra) e l'incesto uno dei canoni più trasgressivi. Tema che si ritrova spesso anche nell’opera di Alberto Moravia.
Ovviamente anche l’amore sentimentale ha il suo spazio riservato.
Il tutto, nel romanzo di Soldano, passa attraverso i ricordi di quattro amici che si ritrovano seduti attorno ad un tavolo per la consueta partita a briscola.
Bravo l’autore a stemperare il dramma dei vari personaggi e le loro pruderie, con i passaggi salienti delle partite a carte.
La penna dello scrittore usa l’inchiostro della benevolenza, ogni personaggio quasi vede giustificato il proprio agire: al sesso deliberatamente praticato nell’abbazia, cioè all’esterno del loro contesto e quindi ripugnato, si contrappone il sesso sostanzialmente ineluttabile della loro vita. Ed è questa la contraddizione che l’ironico Soldano serve su un piatto scanzonato ai suoi lettori.
Accursio Soldano è prudente anche nella descrizione delle scene di sesso. Nulla a che vedere con la narrativa di Mario Vargas Llosa (premio nobel per la letteratura 2010 e premio Giuseppe Tomasi di Lampedusa 2013) nella descrizione delle scene di sesso, per questo non ce la sentiamo di candidarlo al premio margheritese di quest’anno (troppo soft nelle descrizione delle scene erotiche), ma vorremmo almeno proporlo come ospite della “settimana gattopardiana”.
Il libro, per la sua scorrevolezza, si legge … in un sorso.

http://www.laraldo.info/news.php?name=2016061910023923 

Nessun commento:

A.S.

A.S.