STORIE DI UN GIORNALISTA CON UNA LAUREA IN FILOSOFIA. Assioma di Cole "La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento"

sabato 19 novembre 2016

SE IO FOSSI BOB DYLAN....

Il premio Nobel per la letteratura a Bob Dylan ha fatto discutere molto.
Alla notizia, il popolo social che non vede l'ora di esprimere una opinione (come ovvio) si è diviso tra favorevoli e contrari, tra quelli che chiedevano e si chiedevano che c'entra Dylan con la Letteratura e quelli che vedevano nelle canzoni di Dylan un livello “alto” di poesia.
Non voglio soffermarmi su questo aspetto.
Se parliamo di poesia, credo che nessuno meriti il Nobel più di Dylan (peraltro scelse di chiamarsi così in onore al poeta, drammaturgo e scrittore gallese Dylan Thomas). Ma finite le manfrine sul “merito” sono iniziate quelle sulla “presenza” o meno di Dylan alla manifestazione di consegna del premio. Il buon vecchio Bob ha dichiarato che non potrà andarci per “impegni presi in precedenza”.
E sono ricominciate le scaramucce tra guelfi e ghibellini.
Ebbene, se io fossi stato Bob Dylan non sarei andato. E vi spiego perché.
Qual è il motivo che costringe uno scrittore, poeta o musicista (in questo caso) a ritirare il Premio Nobel? Fondamentalmente sono tre:
  1. Il prestigio del premio. Considerato il massimo in questo settore
  2. L'impennata di vendite (che siano essi romanzi o commedie o CD)
  3. Il tam tam mediatico che mi permette di farmi conoscere in tutto il mondo.
Il punto 2 non interessa Bob Dylan visto che non si contano quanti milioni di dischi e libri il cantautore americano ha venduto e continua a vendere ancora oggi e la quantità spropositata di concerti che ancora fa!
Non interessa neppure il punto 3 perché le canzoni di Bob Dylan le conoscono persino i bambini che sono ancora dentro la pancia delle donne. (Pare che fare ascoltare alcune sue canzoni ai feti faccia bene al futuro nascituro). Dylan non ha bisogno dell'articolo sul giornale che annuncia il conferimento del Nobel per farsi conoscere: è già abbastanza famoso di suo.
Sul punto 1 il discorso cambia.
Facciamo l'analisi dei nobel per la letteratura degli ultimi anni.
Ve li elenco in ordine.
Nel 2011 Tomas Tranströmer, nel 2012 Mo Yan, nel 2013 Alice Munro, nel 2014 Patrick Modiano, nel 2015 Svjatlana Aleksievič.
Ora, io non credo che prima del conferimento del Nobel, il grande pubblico dei lettori conoscesse questi autori, come non credo che, ancora oggi, in molti hanno un loro libro nello scaffale di casa.
E' naturale che scrittori come Modiano il quale alla notizia ha onestamente dichiarato «Sono felice, ma trovo tutto questo bizzarro» che documentaristi come la Aleksievic, perseguitata dal regime del suo Paese o la canadese Munro (autrice di racconti) si sentano onorati di ricevere il Nobel e lascino tutti gli impegni per andarlo a ritirare, perché per loro vanno bene tutti e tre i punti analizzati in precedenza. E' un riconoscimento di prestigio, venderà un sacco di copie del suo libro e il nome rimbalzerà nel mondo facendo fare la figura degli ignoranti a chi, fino a quel momento non li conosceva.
Certo, confesso la mia ignoranza (non sono un accademico), a parte Mo Yan (ma solo perché vidi il film “Sorgo rosso” di Zhang Yimou), non conoscevo nessuno di questi scrittori premiati col Nobel.
Buon per loro. Ho comprato un loro libro.

Ma dico, se io fossi Bob Dylan, considerate le precedenti assegnazioni, a che mi serve ricevere un Nobel? Per testimoniare cosa, che non si sappia già? Per farmi conoscere da chi, che non mi conosce già? 
Fondamentalmente non mi serve a niente, quindi... se non ho impegni vado, altrimenti, che lo diano ad un altro illustre sconosciuto.

Nessun commento:

A.S.

A.S.