STORIE DI UN GIORNALISTA CON UNA LAUREA IN FILOSOFIA. Assioma di Cole "La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento"

domenica 27 ottobre 2013

RECENSIONE SULLA RUBRICA LIBRI DELL'ANSA

ANSA > Legalità > Speciali > Libri: Bellanca, storia dell'ingegnere con il sogno del volo

Libri: Bellanca, storia dell'ingegnere 

con il sogno del volo

Sarà presentato nelle scuole volume sui pionieri dell'aviazione


(di Giovanni Franco) (ANSA) - PALERMO, 25 OTT - Nei pressi dell'aeroporto "Fiorello La Guardia" 
di New York c'è una strada dedicata a lui. E anche nel Maryland, in California. A Sciacca (Ag) 
invece paese natale di Giuseppe Bellanca, nato nel 1886 e morto nel 1960, c'è solo una striminzita stradina intitolata ai non meglio identificati "Fratelli Bellanca" (gli altri due erano un sindacalista e il direttore di un giornale locale, e viene da pensare che forse l'omaggio era rivolto a uno dei suoi due congiunti). Eppure scrive il giornalista Tano Gullo "era uno dei massimi cervelli scientifici che la 
Sicilia abbia generato. Nel settore aeronautico ha lo stesso peso specifico che hanno i Marconi,
 i Volta, i Pacinotti in altri comparti". A raccontare le gesta di questo personaggio è ora Accursio
 Soldano che ha scritto il libro "Giuseppe Mario Bellanca e i pionieri sulle macchine volanti" (Epsylon editrice; 182 pagine; 14 euro). Un volume ricco di immagini d'epoca e di manoscritti che sarà anche presentato nelle scuole. "Una raccolta sistematica di eventi, fatti, documenti che raccontano la vita, 
non solo di Bellanca, ma anche di tutti quei piloti, - afferma l'autore - quei temerari che sulle "macchine volanti" cercarono la gloria nel tentativo di attraversare gli oceani: qualcuno, pilotando un "Bellanca" 
ci riuscì, molti perirono, ma tutti contribuirono a spostare un po' più in là i confini del volo". Bellanca, afferma Soldano anche lui di Sciacca: "non è uno dei tanti siciliani nato in un piccolo paese in
 provincia di Agrigento ed emigrato giovanissimo in America in cerca di fortuna, era un ingegnere aeronautico e aveva un sogno: costruire aerei e volare dall'America in Europa senza scalo". 
Da giovane frequentò l'Istituto Tecnico di Milano, laureandosi nel 1908 in matematica e durante 
i suoi studi per la seconda laurea in ingegneria aeronautica decise di disegnare e costruire il suo primo aereo.

Non avendo i fondi disponibili per realizzarlo, pensò di farlo con canne di bambù, montandolo dentro

 una vecchia stalla. Poi, insieme a due suoi amici, Enea Bossi e Paolo Invernizzi produsse, nel 1909,
 il primo volo di un aereo totalmente italiano (come disegno e costruzione). Ma l'Italia di quegli anni
 non era ancora pronta per le innovazioni in campo aeronautico e allora, su pressione di suo fratello 
Carlo, il giovane Giuseppe emigrò in America e cominciò dapprima a dare lezioni di volo e poi a 
costruire aerei dal disegno innovativo e dalle performance fino a quel momento impensabili. 
I "Bellanca aircraft" erano diventati famosi in tutta l'America, al punto da meritarsi la copertina 
di "uomo dell'anno" nella popolare rivista "Time", ma il suo socio in affari Charles Levine non 
volle vendere un suo monoplano a Charles Lindberg per la trasvolata in solitario da New York a 
Parigi mancando quindi l'appuntamento con la storia. Eppure l'ingegnere saccense avrebbe avuto 
modi di rifarsi in seguito. I documenti sulle sue leggendarie imprese, a cavallo tra gli anni Venti e 
Trenta del Novecento, sono esposti nell'Archivio del Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio di Washington. Nel 1993 è stato inserito nella Hall of fame dell'aviazione mondiale.(ANSA).

Nessun commento:

A.S.

A.S.